Introduzione

Da WikiToponomastica.

La mia ricerca si prefigge di studiare i toponimi della provincia di Parma attingendoli, quando è possibile, dai documenti antichi, ma soprattutto recuperandoli allo scritto dalle fonti orali nella forma dialettale in quanto più conservativa rispetto alla lingua letteraria, perciò più affidabile. Nel contempo essa si propone il recupero delle parole dialettali per evitare che vada completamente perduto quel patrimonio culturale espressione dello stesso legame che fin dal tempo più remoto si è stabilito fra l'uomo e la terra. Ora, dove la carenza di documenti non è sufficiente per ottenere le nozioni di carattere linguistico e storico, indispensabili a stabilire i periodi in cui i toponimi si sono fissati, dallo studio etimologico delle forme dialettali spesso si possono avere risposte soddisfacenti sulle origini degli insediamenti abitativi, sullo sfruttamento del territorio, sull'allevamento del bestiame, sul commercio, sul tipo d'alimentazione, sulle abitudini e le tradizioni popolari di una civiltà contadina ormai scomparsa. Le notizie contenute in questo primo fascicolo dell'Atlante Toponomastico della Provincia di Parma sono il frutto di un'indagine lunga e complessa, di una comparazione tra i toponimi di alcune frazioni del comune di Borgo Val di Taro e quelli dell'area gallo-romanza e dei termini dialettali borgotaresi con quelli delle regioni Trentino, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria e Toscana. Spero che questo lavoro sia di stimolo ad altri volenterosi affinché in futuro l'indagine toponomastica venga estesa a tutti i comuni della provincia di Parma per poter completare in tempi ragionevoli l'Atlante Toponomastico dal quale le genti di questi territori possano trarre notizie utili a colmare alcune delle tante lacune che ancora permangono nella storia dei loro luoghi e che gli studiosi di varie discipline scientifiche possano attingervi informazioni per i loro trattati.

Sergio Mussi